Sostieni la Casa
con il 5x1000

Diventa un tassello importante, e permettici di dare una cura in più per mamme e bambini
Cos’è il 5×1000?

Si tratta di una quota percentuale dell’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) che lo Stato Italiano ripartisce tra enti di ricerca scientifica, organizzazioni non profit ed enti del Terzo Settore che in generale svolgono attività socialmente rilevanti.
È possibile destinare la quota del 5×1000 firmando in uno dei cinque appositi riquadri che figurano sui modelli dichiarazione (730, CU e Redditi Persone Fisiche – ex UNICO).

Quali sono gli obblighi dell’ente che riceve i fondi del 5×1000?

Tutti i soggetti beneficiari del 5×1000, compresa la Casa don Puglisi, sono tenuti a dimostrare, in modo chiaro e dettagliato, l’impiego delle somme percepite redigendo un apposito rendiconto ed una relazione illustrativa attraverso i quali i soggetti destinatari del contributo dimostrano l’utilizzo delle risorse ricevute entro un anno dalla loro percezione.

5×1000, 8×1000, 2×1000: quali sono le differenze?

In tutti e tre i casi si tratta di percentuali dell’IRPEF che il contribuente ha la possibilità di destinare ed è importante sapere che non si escludono.
Lo scopo dell’8×1000 è di offrire sostegno alla Chiesa di culto (confessioni e credo religiosi) e per devolverlo basta una firma nell’apposita sezione: firmando per la Chiesa cattolica si aiuta anche la Casa, facendo parte degli enti che ricevono dei contributi dalla diocesi di Noto. Il 2×1000 è invece destinato al sostegno di partiti politici. 
Le scelte non sono in alcun modo alternative tra loro e possono essere tutte espresse, senza determinare maggiori imposte dovute.


Come fare per destinare il 5×1000 alla Casa don Puglisi?

Logo Casa Don Puglisi

Per destinare il proprio 5×1000 alla Casa don Puglisi è necessario porre la propria firma nel riquadro “Sostegno al volontariato…” che figura sui modelli di dichiarazione e scrivere il codice fiscale dell’Associazione di volontariato don Giuseppe Puglisi:

90008250889

Come vengono utilizzati i fondi se non indico nessun codice fiscale?

Se si firma su uno specifico comparto senza inserire un codice fiscale a Libera o a altro ente beneficiario, il 5×1000 viene redistribuito tra tutti i soggetti beneficiari del comparto in cui è stata inserita la firma. Se non si inserisce la firma, si verserà ugualmente il proprio 5×1000 ma la quota rimarrà allo Stato.

Se non faccio la dichiarazione dei redditi, posso destinare ugualmente il 5×1000 alla Casa don Puglisi?

Si, è possibile. I contribuenti che non devono presentare la dichiarazione possono scegliere di destinare l’otto, il cinque e il due per mille dell’IRPEF utilizzando l’apposita scheda allegata allo schema di Certificazione Unica (CU) o al Modello REDDITI Persone Fisiche.
Per chi non ha l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi, può, senza alcun tipo di onere da parte del contribuente, consegnare ad un ufficio postale o ad una banca la scheda integrativa per il 5 per mille contenuta nel CU in busta chiusa.
Basterà poi apporre sulla busta la scritta “Scelta per la destinazione del 5 per mille dell’IRPEF”, con indicazione di nome, cognome e codice fiscale del contribuente.

Quanto vale il mio 5×1000 alla Casa don Puglisi?

Si tratta di uno schema esemplificativo indicativo basato sull’imposta netta del contribuente, al lordo di eventuali deduzioni, detrazioni, ritenute o crediti d’imposta:

  • Reddito lordo € 15.000 – Imposta netta € 2.570 – Il tuo 5xmille può valere € 12,85
  • Reddito lordo € 20.000 – Imposta netta € 4.030 – Il tuo 5xmille può valere € 20,15
  • Reddito lordo € 30.000 – Imposta netta € 7.170 – Il tuo 5xmille può valere € 35,85
  • Reddito lordo € 50.000 – Imposta netta € 15.210 – Il tuo 5xmille può valere € 76,05
Casa Don Pino Puglisi

“Lo facciamo per poter dire: dato che non c’è niente, noi vogliamo rimboccarci le maniche e costruire qualche cosa. E se ognuno fa qualche cosa, allora si può fare molto.”

Padre Pino Puglisi

Condividono la nostra iniziativa